fbq('track', 'ViewContent');

Stiamo cercando un colpevole, perchè abbiamo paura.

Stiamo cercando un colpevole, perchè abbiamo paura.

Leggo tutti i commenti, è incredibile... il tutto e il contrario di tutto:

"la colpa è della gente in supermercato senza guanti, non mantegono la distanza..." -> "La colpa è di quelli che stanno in casa perchè ammazzano l´economia. "
"Bisognerebbe mandare in quarantena tutti i vecchi" -> "la colpa è dei giovani che se ne fregano"
"La colpa è dei cinesi, che non ci dissero tutto" -> "I cinesi ci stanno salvando la vita"

Oppure:
"La colpa è della Merkel, che prima non ci dava ordini perchè se ne frega del popolo - > Colpa è della Merkel, che ci vuole tutti richiudere e farci diventare schiavi dei profughi.
La colpa è di chi drammatizza -> La colpa è di chi sdrammatizza.
Vietato pensare positivo, cantare, non si rispettano i morti -> vietato pensare negativo, porta sfortuna.

Ma vedo anche gente che lavora nel mio campo disperata che cerca di sfruttare la situazione fingendo di essere superiori e sempre all´altezza:
"io sono come aiutarti in questa situazione drammatica in modo che zu possa usare questa situazione per fare successo o denaro - ti offro tutto ciò che di solito offro- a prezzi alti o in grandiosi eventi - ora a un prezzo molto inferiore al solito bla bla"
Triste. È come chiedere in guerra soldi a gente che cerca il pane.

Vedo quelli che fanno passare il video dell´ex medico che dice che è tutta una farsa, quello che parlava male dei vaccini.
Vedo quelli che comprano le armi, al riparo, non si sa mai.
Che tristezza. E la paura aumenta.

Abbiamo tutti un pò ragione e abbiamo tutti un pò torto.

Sarebbe più semplice dire: ho paura. Non so cosa fare.
Siamo tutti umani. E´ umano avre paura.

Ho paura perchè ho capito che durerá più di due settimane. Durerà mesi. Ho paura di non farcela, di perdere tutto. Diciamo la verità.

In questo momento, la gente è spaventata, preoccupata, in panico. Non dimentichiamo che per tante persone stare chiuso in casa è davvero una situazione di panico.

Io conosco anziani che sono seriamente disperati se non possono vedere nessuno. Non lasciamoli soli. Dobbiamo trovare soluzioni.

Conosco personalmente gente traumatizzata - gente che da bambino è stato torturato, picchiato, violentato - Nello stare a casa si sente tornare in questa situazione. Gli si ripropongono in testa flasbacks di situazioni orribili vissute al chiuso nel passato.
Gente che già soffriva di depressione e ora non ha un minimo di scambio sociale tranne l´internet.
Gente vicina al sucicidio.

Donne/ coppie che aspettano un figlio che non sanno più a cosa credere.

E`giusto dire di stare a casa a furbi e spavaldi, menefreghisti...
ma ancora meglio sarebbe se non si dimenticasse chi davvero ha un problema psichico o fisico nello stare in casa.
Chi si occupa di loro?

Io ho deciso di occuparmi di queste paure. Non vi posso promettere molto. Tranne che: sono qui. Scrivetemi.

Non c`è niente di male ad aver paura. Ma non diventiamone schiavi.
C´è anche gente che ha paura ma non scrive su Facebook.
C´è gente che non cerca sempre il nemico.
Fa la mamma. Fa il papà. Fa il medico. Fa il nipote. Fa il nonno. Fa ancora il postino.
Nonostante tutto. Fa quello che deve fare. Nei limiti del possibile.

Ora dobbiamo stare calmi, per favore.
Smettetela di azzannarvi. Smettiamola di cercare il nemico. Non alziamo il livello della rabbia.

... è umano essere arrabbiati! ma non diventiamo schiavi della rabbia.

Vediamo di riunirci anche se la riunione è virtuale.

Può aiutare: cercate un vicino che sta peggio di voi e aiutarlo.
Troviamo modi per alleviare il dolore di chi sta male. Di chi sta morendo.

Atteniamoci alle regole, usando questo tempo per capire.

Aiutiamo chi ha seri problemi con queste regole.

Chiedete: di cosa davvero hai bisogno?
Chiediti: di cosa davvero hai bisogno?

Scrivetemi, se volete qui come commento:
di cosa hai davvero bisogno?

Keine Kommentare:

Kommentar posten